Bosco di Anaga, Tenerife

Bosco di Anaga, Tenerife

Ci troviamo nel Parco Rurale di Anaga, circa 14.500 ettari che attraversano i territori comunali di La Laguna, Santa Cruz de Tenerife e Tegueste. Proprio per la sua vastità, in questo articolo ci concentreremo “solo” nei due percorsi più affascinanti della zona: El Bosque Encantado (il bosco incantato) e El Senderos de los Sentidos (il sentiero dei sensi).

Prima di arrivare a queste descrizioni è d’obbligo citare alcune caratteristiche comuni a tutto il Parco…

LAURISSILVA
In cima, nelle zone più alte, troverai il migliore esempio di laurissilva di Tenerife. Si tratta di un fossile vivente datato 40 milioni di anni!!
Passeggiare tra questi tronchi ritorti e pieni di muschio (che ricordano un po’ le atmosfere del Signore degli Anelli) equivale a fare un vero e proprio viaggio nel tempo.
Qui sono rappresentati praticamente tutti gli ecosistemi dell’isola ed è possibile trovare vegetazione costiera, dracene e palme delle Canarie.

LA NEBBIA
Passeggiando per il parco potrai assistere ad alcuni effetti speciali della Natura, come incontrare un compatto muro di nebbia o vederla tracimare la montagna come se fosse una mare di spuma.
Qui infatti la nebbia è un elemento indispensabile per garantire la vita e la magia di questa foresta!
Definita anche “pioggia orizzontale”, si forma principalmente nelle aree più alte, come una pioggerella particolarmente densa che consente a questo intero ecosistema di sopravvivere, il vento, poi, la aiuta a muoversi come fosse acqua e la cosparge per tutto il bosco di Anaga.

PRECAUZIONI
I sentieri sono semplici e ben segnalati, ma con l’umidità possono diventare molto scivolosi.
Raccomandiamo di partire per questa gita ben attrezzati con scarpe adatte, cellulare carico, protezione solare, berretto, acqua, giacca impermeabile (perché il clima può cambiare rapidamente) e magari anche i bastoni da trekking per aiutarsi nelle salite.

PRENOTAZIONI
Questi sentiero sono accessibili SOLO SU PRENOTAZIONE, anche se totalmente gratuita, da effettuare con almeno due mesi di anticipo lasciando i propri dati in questa pagina web: https://centralreservas.tenerife.es/actividad/1
Possono infatti entrare solo 45 persone al giorno, con gruppi di al massimo 4 persone.
Essere fermati senza questo permesso può costarvi una multa di 600 euro!

E’ possibile portarsi il cane, ovviamente con tutte le solite accortezze di igiene e civiltà per lasciare il luogo incontaminato, come l’abbiamo trovato!

—————————————-

BOSCO INCANTATO
E’ un percorso circolare di circa 7 chilometri, quindi metti in conto una media di 3 ore per completarlo.
In alcune biforcazioni non è sempre chiarissima la strada da prendere, perchè la vegetazione alle volte “si mangia” le indicazioni… tu comunque segui sempre il percorso più battuto! 😉
Quando arriverai al Mirador del Tejo sarai a metà strada, da qui potrai scegliere o il sentiero che passa attraverso tunnel di vegetazione e arriva fino alla costa, o il sentiero più ampio che ti riporterà al punto di partenza.

SENTIERO DEI SENSI
E’ composto da tre diversi percorsi, abbastanza brevi, in un’ora riuscirai a percorrerli tutti:
1) Il primo è lungo appena 350 metri ed è dotato di passerella per gli ospiti con disabilità motorie
2) Il secondo è lungo 500 metri, è perfetto per le famiglie con bambini, perché il dislivello è minimo
3) Il terzo è il più lungo, 1 km circa, con un dislivello di 100 metri. Offre uno spettacolare panorama su Santa Cruz e il Barranco de Tahodio.

—————————————-

LEGGENDE
Per gli amanti dei misteri, non bastasse la bellezza con la quale ti sarai riempito gli occhi, va segnalato anche l’aspetto più “mistico” di questo meraviglioso parco di Anaga.

Consultando qualsiasi documento antico dell’isola, di qualsiasi fonte, cultura o credo, si possono trovare diversi riferimenti a rituali ereditati da un passato comune degli aborigeni locali.
Queste usanze nei secoli si sono mescolate e fuse con altre di origine straniera al tempo della conquista spagnola delle Canarie.
Una miscela che non ha fatto altro che aumentare la nomea nei confronti di fenomeni legati alla stregoneria e all’occulto che già circondavano l’arcipelago…

In località Anaga, gli antichi Guanches di Tenerife si votarono al culto della Natura, come se fossero in grado di sentire il flusso di energia dalla terra e, secondo alcune leggende metropolitane, ancora oggi le streghe di Anaga, vestite di lunghi abiti neri, salgono nelle pianure superiori, nelle notti più buie, sussurrano canzoni e riti pagani, ballando alla luce di fuochi fatui, da cui il nome di “Bailadero de las Brujas” (ballatoio delle streghe).

Che siano veritiere le testimonianze della gente del luogo, o dei turisti di passaggio, non c’è dato saperlo, ma resta indubbio che i boschi e i dintorni di Anaga siano un luogo mistico e misterioso, dalla speciale connessione con la natura e un pezzo importante di storia che, ancora oggi, rimane ancorata nella nostra Tenerife.

 

Privacy Policy

Seguici su Facebook

Iscriviti alla Newsletter